FXAction Magazine

Campionati Italiani Motocross

Faenza parla francese con Paulin e Renaux

I transalpini vincono la prima prova del campionato italiano Maxxis Prestige al Monte Coralli. Grandi prove di Lapucci e Cenerelli. Nella Fast successi di Bertuccelli e Ricciutelli.

Podio Elite Mx1 (ph. Mxreport)
Podio Elite Mx1 (ph. Mxreport)

Faenza (RA) – Gli ospiti internazionali fanno la voce grossa nella prima prova del campionato italiano Maxxis Prestige al Monte Coralli di Faenza. I quotati francesi Gautier Paulin e Maxime Renaux, entrambi su Yamaha, sono i vincitori rispettivamente delle classi Mx1 e Mx2, mentre a dare spettacolo tra gli italiani sono due giovani che strappano la scena ai primattori più blasonati: Nicholas Lapucci e Gianmarco Cenerelli.

Maxime Renaux
Maxime Renaux

ELITE – GARA 1

Scatto al comando di Nicholas Lapucci (KTM – Over Competition), che prova il colpo a sorpresa con una fuga a suon di giri veloci. Restano alle sue spalle Michele Cervellin (Yamaha – Fiamme Oro) e i due ufficiali Yamaha Jeremy Seewer e Gautier Paulin. Proprio il francese viene fuori alla distanza, superando uno alla volta tutti gli avversari e andando a vincere. Lapucci tiene duro con grinta e precede di pochi metri Cervellin. Quarto Seewer e quinto Alberto Forato (Husqvarna – La Rocca).

Nella Mx2 Gianmarco Cenerelli (Husqvarna – Scintilla)indovina il “gol della domenica” e fa il miglior piazzamento di classe, col decimo posto assoluto, precedendo un’altra grande sorpresa, Caleb Grothues (Suzuki – Rt 973), e il poleman del sabato Maxime Renaux (Yamaha – Sm Action Migliori). Seguono a ruota l’altro francese Stephen Rubini (Honda Racing Assomotor) e Giuseppe Tropepe (Yamaha – Bbr Offroad).

Partenza Elite (ph. Redbaz)
Partenza Elite (ph. Redbaz)

ELITE – GARA 2

Nuovamente Lapucci davanti a tutti alla prima curva, e stavolta si aggiudica anche l’assegno per la holeshot Ufo Plast. Il toscano riprova a scappare, approfittando della bagarre alle sue spalle tra Paulin, Seewer e Cervellin, con quest’ultimo che è costretto a rallentare per problemi ai freni. Ma Paulin nel finale s’inventa una magia, raggiunge Lapucci e lo supera proprio durante l’ultimo giro. Seewer finisce terzo, con Renaux quarto e primo delle Mx2 che precede il tedesco Henry Jacobi (Yamaha – Sm Action Migliori).

Dietro a Renaux, la classifica della Mx2 si sviluppa con Mattia Guadagnini (Husqvarna – Ardosa) ottavo assoluto, poi Cenerelli decimo, Rubini tredicesimo e Grothues quindicesimo.

Paolo Ricciutelli (ph. Mxreport)
Paolo Ricciutelli (ph. Mxreport)

ELITE – ASSOLUTE

Grazie alla doppietta vincente, Gautier Paulin conquista la tabella rossa 24MX della Mx1, davanti a un comunque esaltante Lapucci. A completare il podio c’è Seewer. Nella Mx2, invece, successo di giornata per Maxime Renaux, che precede Cenerelli, l’altra grande sorpresa della giornata, e il campione in carica Guadagnini.

FAST MX1

Il grande favorito della vigilia Giovanni Bertuccelli (KTM – Pardi) rispetta i pronostici e va a vincere l’assoluta con un primo e un secondo di manche. Il pluricampione Supermarecross è comunque costretto a sudarsi il successo, per via di uno scatenato Marco Roncaglia (KTM – Sm Action Migliori), che in gara-2 approfitta di un piccolo errore del siciliano e conquista il primo posto. Completa il podio Marco Paganini (Honda – Krosteam Gaerne).

Nella classifica riservata alle 300 è primo Alessandro Albertoni (KTM – Brilli Peri), davanti a Nicola Matteucci (Yamaha – Megan Racing) e Luca Milani (KTM – Milani).

Podio challenge Honda MX2 (ph. Mxreport)
Podio challenge Honda MX2 (ph. Mxreport)

FAST MX2

Colpi di scena e grande equilibrio nella cilindrata minore della Fast, con tanti piloti in bagarre e pochissimo spazio per gli errori. Lo sa bene Paolo Ricciutelli (KTM – Pardi), che approfitta dell’alternanza di risultati dei suoi rivali e, con un primo e un terzo di manche, conquista con pieno merito la tabella rossa 24MX. Secondo assoluto Mattia Roncaglia (KTM – Sm Action Migliori), vincitore di gara-2, e terzo Leonardo Angeli (KTM – Spoleto).

CHALLENGE HONDA RED MOTO

La prima tappa del nuovo trofeo monomarca voluto da Honda Red Moto, riservato ai piloti delle “rosse” nella categoria Fast, premia Marco Paganini (Krosteam Gaerne) su Stefano Sonego (Gaerne) e Marco Valsangiacomo (Fossano). Nella Mx2 è il veterano Antonio Mancuso (Lion Montegranaro) a primeggiare su Matteo Ungaro (Parini) e Thomas Berto (Gaerne).

Dopo aver assegnato le prime tabelle rosse, il campionato italiano Maxxis Prestige fa ora un mese abbondante di sosta. Il prossimo appuntamento è per il 29 e 30 agosto a Castiglione del Lago.